formats
Published on 10 marzo 2014, by in Hardweb.

Torna consigli per la Social-izzazione, la rubrica che vi porta a scoprire l”utilizzo dei principali social network.
Come ormai sanno anche i muri “Consigli per la Social-izzazione” è  un ciclo di articoli incentrati sulle possibilità, per un’azienda, di ottenere il massimo profitto attraverso l’utilizzo dei social network.
I social network a volte vanno utilizzati in unione ad altre applicazioni o ad altri social network, ognuno ha le sue regole e se non le seguiremo non potremo avere il successo che stiamo cercando.
Attenzione però: i social network richiedono tempo, dedizione e costanza. Siete pronti?!

come usare pinterest

 

Pinterest

Mai da solo!

Integra Pinterest con altri social per favorire la visualizzazione e la condivisione dei nostri Pin.

Se siamo presenti su altri social network come, facebook o Twitter, possiamo utilizzare questi ultimi per dare maggiore visibilità ai nostri Pin e al nostro profilo. In questo modo avremo più probabilità di aumentare i nostri contatti e le nostre interazioni su Pinterest.

Interagisci.

Non basta caricare Pin e creare Boards per comunicare con Pinterest. Capita di vedere profili di aziende che non fanno altro che cariche immagini: nessun like, nessun repin, nessuna interazione.

E così non va bene: la comunicazione, sui social (su tutti i social!) è fra due persone: se l’altra non inizia, cominciatela voi.

 

Collabora.

Cerca di fare squadra con altri shops su Pinterest, trova shops simili al tuo per abbinabilità e relazione tra prodotti…ovviamente non cercare però e-commerce del tuo stesso prodotto. Aiutali a esporre sulla tua lavagna in cambio di spazio per i tuoi prodotti sulle loro.

 

Immagini tue.

Non limitarti a repinnare il materiale di altri, ma carica anche immagini tue. Sulle tue immagini hai più libertà di movimento, ad esempio puoi intervenire sul nome del file e sul link a cui fanno riferimento.

Non caricare immagini di altri come tue: eviterai il rischio di imbatterti in violazioni di copyright. Usa solo immagine tue o che sei autorizzato ad usare.

Nome del file.

Quando carichi una tua immagine, scegli tu il nome del file. Evita nomi del tipo 560032_377318385649_n.jpg e usa parole chiave appropriate all’immagine e funzionali alla ricerca anche in ottica SEO.

Descrizione.

Hai 500 caratteri a disposizione: usali, ma senza esagerare. Considera che i pin più gettonati hanno generalmente descrizioni brevi, spesso inferiori ai 100 caratteri.

Nel caso di immagini di prodotti in vendita, dai il maggior numero di informazioni possibili, ma attento a quelle che potrebbero variare nel tempo (prezzo, colori, disponibilità, taglie, ecc…).

Esser specifici.

Cerca di specializzare il tuo account secondo una determinata tematica. Condividere contenuti di diversi temi non può che creare dei dubbi negli utenti.

Specializzati nel campo di interesse della tua attività. In questo modo sarai anche certo che, chi ti segue, ha più o meno le tue stesse passioni.

Partecipa alle board condivise, inserendo immagini e condividendo contenuti.

 

Non essere troppo autoreferenziale!

Va bene usare Pinterest per promuovere i propri servizi e i propri prodotti, ma non bisogna esagerare.

Condividiamo anche immagini che troviamo sulla rete che non devono per forza esser collegate ai nostri lavori o ai nostri servizi.

Se, invece, siamo troppo autoreferenziali rischiamo di cadere nella monotonia e di non incuriosire nessuno. Perché un utente dovrebbe seguirci se condividiamo gli stessi contenuti che possiamo comodamente trovare sul nostro sito web?

Usare gli hashtag.

Un aspetto molto importante da considerare è l’utilizzo degli hashtag, esattamente come in twitter. Inserendo un hashtag (sono quelle paroline precedute da un simbolo di cancelletto #) nei commenti delle immagini che carichiamo, abbiamo maggiori possibilità di far trovare il nostro pin nel motore di ricerca interno di Pinterest.

Questo è proprio lo scopo degli hashtag: catalogare, in questo caso, i pin per facilitarne la ricerca.

Utilizziamoli quando creiamo un pin ma stiamo attenti ad non abusarne: è consigliabile inserirne massimo 3 per ogni Pin. Un numero eccessivo potrebbe solamente causare confusione per l’utente.

Riusa e ricicla.

Crea una lavagna che riassuma la storia della tua azienda. Utilizza le foto di quando hai iniziato, o brevi filmati.

Che succede?

Le persone sono curiose di sapere come le cose vengono fatte o come si costruiscono. Comunque sia fatto il nostro prodotto, che sia esso fatto in cucina o che sia fatto da 100 persone che lo assemblano, la gente vuole sapere tutto di te e di come funziona il tuo prodotto.