formats
Published on 14 marzo 2014, by in Hardweb.

Ecco un nuovo articolo dell’ormai consueta rubrica “consigli per la Social-izzazione”, la sezione webecedariana che vi porta a scoprire l”utilizzo dei principali social network.
Come ormai sanno anche i muri “Consigli per la Social-izzazione” è  un ciclo di articoli incentrati sulle possibilità, per un’azienda, di ottenere il massimo profitto attraverso l’utilizzo dei social network.
I social network a volte vanno utilizzati in unione ad altre applicazioni o ad altri social network, ognuno ha le sue regole e se non le seguiremo non potremo avere il successo che stiamo cercando.
Attenzione però: i social network richiedono tempo, dedizione e costanza. Siete pronti?!

usare youtube

 

 

Youtube

Il Canale.

Per iscriversi a Youtube è sufficiente registrare un’account gmail attraverso il quale si potrà accedere al proprio canale Youtube: uno spazio cioè che potrà essere personalizzato nell’aspetto grafico e a cui potranno essere aggiunte varie informazioni. In questo canale saranno mostrati tutti i tuoi video e saranno elencate le persone che ti seguono.

Le iscrizioni.

Se c’è un canale che mostra contenuti di tuo interesse, puoi iscrivertici per essere sempre informato delle novità. Il tuo intento è ovviamente che siano altre persone a iscriversi al tuo canale, ma questo dipende anche dai contenuti e dall’attrattiva del tuo canale

Tuttavia è consigliabile, prima di pretendere che siano altri a iscriversi al proprio canale, farsi delle amicizie e iscriversi a propria volta a vari diversi canali poiché, come in tutti i social network, anche su Youtube gli amici possono far aumentare le visualizzazioni e le condivisioni dei propri video. Le condivisioni inoltre possono diventare un elemento importante in ottica SEO.

Interagire.

In breve: votare (mi piace/non mi piace), commentare e condividere.
La tua presenza su youtube deve farsi sentire: più tempo spenderai sulla piattaforma di video sharing più risultati otterrai.

Ottimizzare il canale di Youtube

Google dà molta valenza ai video di Youtube (più di quelli ospitati su altre piattaforme poiché ha speso ben 1,6 miliardi di dollari per acquistare questa piattaforma di video) a patto che siano ben ottimizzati.

Nome.

La prima cosa da prendere in considerazione è il nome da dare al canale. A meno che non dobbiate utilizzare il vostro brand aziendale, scegliete un nome che abbia queste caratteristiche: si deve ricordare facilmente; deve avere qualcosa a che fare con gli argomenti del vostro canale; si deve comprendere facilmente anche solo ascoltandolo.

Parole chiave.

Proseguiamo poi con la scelta delle parole chiave. YouTube, come Google, ragiona per parole chiave. Per scegliere le parole chiave giuste su cui puntare è consigliabile utilizzare il Keyword Suggestion Tool di YouTube. È simile al Google Keyword Tool ma sono presenti i dati riferiti alle ricerche eseguite sul motore di ricerca di YouTube.

Dividi et impera.

Al fine di ottenere più visibilità su YouTube, mantenendo lo stesso sforzo, è possibile suddividere i propri video in diversi “sotto video” al fine di essere premiati dalla piattaforma social. Se hai molti video con una certa parola chiave YouTube ti premierà per quella parola chiave e otterrai una maggiore visibilità.
Avendo un maggior numero di video è più facile infatti avere maggior visibilità tra i video consigliati. In ogni caso, più video hai per una certa parola chiave e meglio è.
Se prepari un video al mese, ad esempio, ma questo video lo dividi sempre in tre parti è come se caricassi 3 video ogni mese e YouTube ti premierà per la costanza e la quantità di video che pubblichi.

 

Tutorial per prodotti/servizi.

Produrre tutorial può andare bene sia per prodotti digitali (ad esempio software) che per prodotti più fisici.
Youtube può servire per dare supporto ai clienti già acquisiti: in questo senso possono essere realizzati dei video tutorial che danno risposta a molte delle domande/dubbi più frequenti dei clienti, siano essi relativi all’impiego di un software, all’utilizzo o alla produzione di un prodotto.

Partnership.

Youtube talvolta selezione dei publisher da includere nel proprio partner program.
In pratica, se un utente pubblica video che riscuotono un certo successo in termini di visualizzazioni e rispettano certi parametri, allora YouTube chiede a queste persone di far parte del programma di revenue sharing,  inserendo la pubblicità nei video di chi ha accettato e dividendo 50/50 (più  o meno) i guadagni generati dagli annunci visualizzati.
È possibile tuttavia fare domanda direttamente a YouTube anche se non è sempre facile essere accettati.